Umberto Pelizzari @Y-40, The Deep Joy

Date: 09-2016
Brand: Umberto Pelizzari
Location: Montegrotto Terme (PD)
Servizio: Videoripresa VR360
firma_umberto_pelizzari

Umberto Pelizzari è campione del mondo di apnea. Durante la sua carriera ha battuto tutti i record in ogni disciplina dell’apnea. Classe ‘65, l’atleta è inoltre autore di diversi testi riguardanti lo sport in immersione.

SITO WEB

logo-y40

Y-40, The Deep Joy è la piscina più profonda al mondo con i suoi 42,5 metri. La vasca si riempie di acqua termale tenuta a una temperatura di 34 °C. Y-40 sta costruendo la sua fama anche attorno alle personalità, sportive e non, come Marco Bianchi, Diego Dalla Palma, Flavio Insinna, Valerio Massimo Manfredi e il campione Umberto Pellizzari.

SITO WEB

01. Descrizione e obiettivi

L’obiettivo del video VR360 prodotto con Umberto Pelizzari presso Y-40 era far vivere un’esperienza unica come l’apnea a quaranta metri di profondità a tutti. Il contenuto doveva consentire l’esplorazione sottomarina di una location unica nel suo genere, senza bombole e brevetto sub, anche a chi non fosse un campione di apnea.

slider-video-360-subacqueo-pelizzari-1
slider-video-360-subacqueo-pelizzari-2
slider-video-360-subacqueo-pelizzari-3
slider-video-360-subacqueo-pelizzari-4
slider-video-360-subacqueo-pelizzari-5

02. Infranti tutti i record

Y-40, Umberto Pelizzari e OmniaVision sono riusciti ad aggiungere un nuovi traguardi mondiali.

Il campione del mondo si è prestato alle riprese nella piscina più profonda al mondo per realizzare il primo al mondo video virtual reality a 40 metri di profondità.

Una realizzazione pionieristica assolutamente unica nel suo genere ha implicato la risoluzione di problemi imprevedibili e che si sono presentati a poco alla volta e non sempre legati all’acqua. Infatti oltre alle criticità imposte dalla temperatura, tenuta stagna delle videocamere e indice di rifrazione dell’acqua, è stato lo stesso movimento sinuoso di Umberto a rappresentare un problema. Abbiamo dovuto quindi preparare un setting speciale legato al rig per riprese subacquee fino a 40 mt e utilizzare un supporto che permettesse di riprendere tenendo un assetto costante.

03. Il risultato

Frutto di un intenso lavoro di preparazione delle riprese che di post produzione, con la quale

siamo riusciti a risolvere i problemi di ipermetropia legati alle riprese subacquee, il video è diventato subito virale. Un contenuto veramente immersivo che trasmette tutte le sensazioni di una discesa altrimenti impossibile per la maggior parte degli utenti.

Leave a Reply

Your email address will not be published.